Usufrutto: usucapione anche da parte dell’usufruttuario

Usufrutto: usucapione anche da parte dell’usufruttuario

Usufrutto usucapione anche da parte dell'usufruttuarioAnche l’usufruttuario può usucapire il bene oggetto di usufrutto. Questa possibilità è ammessa sia dalla legge che dai Giudici italiani.

Per poter verificarsi l’usucapione è però necessario che l’usufruttuario ponga in essere un atto di interversione del possesso, ovvero un comportamento esteriore e riconoscibile che lo faccia apparire come proprietario del bene e che sia incompatibile con il possesso da parte del nudo proprietario, come ad esempio l’aver realizzato una nuova costruzione in loco, un’importante ristrutturazione oppure l’aver costituito nuove servitù.

L’usufruttuario deve quindi eseguire un lavoro importante che potrebbe essere realizzato solamente da parte del proprietario: da questo momento incomincia a decorrere il termine utile ad usucapire il bene, termine che il proprietario potrà interrompere o facendogli causa oppure ottenendo un’ammissione da parte dell’usufruttuario che il nudo proprietario è il vero proprietario del bene (non è invece sufficiente l’invio di una raccomandata).

La legge italiana (art. 1164 c.c.) prevede infatti che chi ha il possesso corrispondente all’esercizio di un diritto reale su cosa altrui – come ad esempio l’usufruttuario – non può usucapirne la proprietà, se il titolo del suo possesso non è mutato per causa proveniente da un terzo o in forza di opposizione da lui fatta contro il diritto del proprietario, e tale opposizione richiede per l’appunto una condotta inconciliabile con la possibilità di godimento altrui e tale da evidenziare un’inequivoca volontà di possedere come proprietario e non più come usufruttuario.

Una volta che sarà trascorso il termine utile ad usucapire, l’usufruttuario dovrà fare causa contro il proprietario al fine di ottenere una sentenza che riconosca e dichiari il suo diritto; a tal fine, spetta all’usufruttuario il compito di portare delle prove che dimostrino: il compimento da parte sua di un atto di interversione del possesso, che il suo possesso è avvenuto per il tempo necessario ad usucapire, e che tale possesso è stato continuativo e senza interruzioni e con l’animo di esserne possessore e proprietario. Se non riesce a fornire queste prove, perderà la causa e dunque non diverrà proprietario del bene.

In questa sede va poi ricordato che anche il diritto di usufrutto su bene altrui può essere usucapito, e che anche il nudo proprietario può usucapire un bene sul quale altri hanno l’usufrutto.

*** *** ***

Richiedi subito una CONSULENZA LEGALE ONLINE allo Staff di Diritto Informazione.

Se ti è piaciuto questo articolo dedicato a “Usufrutto: usucapione anche da parte dell’usufruttuario”, e vuoi continuare a leggere contenuti simili sul nostro sito Diritto Informazione, rimani in contatto tramite la nostra pagina Facebook. Grazie, e a presto.

Forse ti interessa anche:

 

Nessun Commento

    Lascia una risposta